Cyndi Lauper – Un’icona senza tempo manda in visibilio il GruVillage sold-out

0
59

Cyndi Lauper – Un’icona senza tempo manda in visibilio il GruVillage sold-out

di Marco Drogo / ph.Letizia Reynaud

Un GruVillage sold-out per un’icona senza tempo. 5.000 persone in trepidante attesa, con moltissimi che hanno prolungato la giornata d’acquisti a Shopville Le Gru approfittando di una star in promozione, tra le offerte del cartellone del GruVillage Festival 2016, al prezzo di 11 euro. Il pienone dell’arena GruVillage ha regalato il palcoscenico ideale ad una regina del palco, che a 63anni vanta ancora una voce e una presenza scenica capace di esaltare ogni singolo spettatore.

La newyorkese Cyndi Lauper si conferma una grande performer, capace di coinvolgere e intrattenere fans fedeli e affezionati. I più scatenati, uomini o donne, hanno le parrucche rosa in testa, come omaggio alla loro beniamina. E’ un pubblico in prevalenza adulto, composto da chi ha vissuto gli anni ’80, vivendo l’epoca d’oro iniziata con l’uscita di “She’s so unusual” (1983) e da chi in quegli anni è nato e, avendo superato la soglia dei trent’anni, ha più volte ballato e cantato i grandi successi della cantante statunitense.

Un Grammy, il maggior premio nel settore della musica, un Emmy, uno dei più prestigiosi premi televisivi e un Tony, uno dei massimi riconoscimenti teatrali, più di cinquanta milioni di dischi venduti, rappresentano al meglio la luminosa carriera e l’eccletismo di Cyndi Lauper, che ha avuto anche il merito di non sedersi sugli allori del successo ottenuto dalle sue intramontabili hit anni ’80, continuando sempre a cambiare strada, esplorando stili e generi diversi.

All’ultima parte del suo viaggio musicale, rappresentato dal nuovo album ‘Detour’, in cui rilegge alla sua maniera alcuni classici della musica country, è dedicata una buona parte del ‘Greatest Hits Tour’, sbarcato ieri in grande stile al GruVillage, dopo l’ottima prima data italiana alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma.

L’attesa del pubblico, sempre caldo almeno quanto questa giornata estiva di inizio luglio, viene finalmente ripagata pochi minuti dopo le 22. La scenografia trasforma il palco in un tipico saloon del sud degli States. La cowgirl Cyndi Lauper, con tanto di cappello in testa e valigia in mano, apre la serata con ‘Funnel of love’ una frizzante cover di Wanda Jackson, contenuta in ‘Detour’ e continua a scaldare ulteriormente la serata, muovendo l’asta del microfono come una star consumata, anche nelle successive ‘Heartache by the number’ e su ‘ I Drove All Night’, dove manda in visibilio il pubblico, cantando anche a testa in giù.

Gli amanti dei lenti ‘romantici e struggenti’ si esaltano con i cori su ‘ The End of the World’ per poi apprezzare un’altra cover tratta da ‘Detour’, ‘Walkin’ After Midnight’ di Patsy Cline. Il bellissimo omaggio a Prince con ‘When you were mine’, l’energia travolgente di ‘Money changes everything’ e la bella ‘Misty Blue’ cover di Dorothy Moore anticipano l’attesissimo gran finale.

‘Time after time’ regala silenzio ammirato, brividi e una vera esplosione di voci in coro sul ritornello. Le celeberrime ‘She bop’, ‘The girls just wanna have fun’ e una ‘True Colors’ emozionante, mandano in visibilio il GruVillage. Thank U Cyndi!

CINDY LAUPER – SET LIST@GRUVILLAGE

1) Funnel of Love
2) Heartache by the number
3) Drove All Night
4) End of the World
5) Walkin’ After Midnight
6) Goonies
7) Cowboy Sweetheart
8) You don’t know
9) When you were mine
10) Money
11) Misty Blue
12) Time after Time
13) She Bop
14) Girl Just Wanna Have Fun
15) True Colors

La PhotoGallery di Music&theCity a cura di Letizia Reynaud

[Galleries 226 not found]